Peakshunter logo
Dente del Gigante Dente del Gigante

Dente del Gigante


Il Dente del Gigante (4.014 m) è una salita rocciosa di sorprendente verticalità nel massiccio del Monte Bianco.
FOTO

PROGRAMMA

Il Dente del Gigante si staglia contro il cielo sulla linea di cresta sopra Courmayeur: la sua disarmante verticalità entusiasma tutti gli appassionati della montagna. Dalla sua vetta si può godere del miglior panorama su Monte Bianco, Cresta di Rochefort e Grandes Jorasses. E’ la salita ideale per chi vuole iniziare a realizzare esperienze alpinistiche di impegno sostenuto.
Ottima esperienza come “gita test” prima di affrontare ascensioni di buon livello tecnico, come il Cervino.

GIORNO

Meeting point: parcheggio della funivia Skyway di Courmayeur (fraz. Entrèves) – orario indicativo: primo pomeriggio

Controllo del materiale tecnico e breve briefing con la Guida.
Trasferimento alla funivia Skyway, salita con gli impianti e arrivo al Rifugio Torino (3.375 m).
Cena e pernottamento in rifugio.

GIORNO

Meeting point: parcheggio della funivia Skyway di Courmayeur (fraz. Entrèves) – orario indicativo: primo pomeriggio

Controllo del materiale tecnico e breve briefing con la Guida.
Trasferimento alla funivia Skyway, salita con gli impianti e arrivo al Rifugio Torino (3.375 m).
Cena e pernottamento in rifugio.

GIORNO

Dislivello salita: 650 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Sveglia in rifugio e partenza di buona ora per dirigersi verso il Dente del Gigante. Si cammina su una facile traccia fino a raggiungere il ripido canalino che porta all’attacco della parete verso la famosa Gengiva del Dente. Il terreno è misto, con tratti di neve e facili passaggi di roccia. Giunti alla base della Gengiva, si inizia a scalare il tratto di arrampicata vera e propria. Si affrontano passaggi sostenuti (IV–V grado), spesso piuttosto esposti.
Le corde fisse (canaponi) agevolano alcuni passaggi più fisici e facilitano la salita nei passaggi più impegnativi.
La salita si articola nella sequenza di 6 tiri di corda.
Dall’estremità della gengiva con un tiro di IV si sale a raggiungere la parete ovest; il secondo tiro è più semplice (III) e conduce ad una solida sosta a spit, dove cominciano le corde fisse. Il tiro che segue (anche se dato solo di IV) ha una esposizione impressionante e una difficoltà non banale. Il quarto tiro (V+) è atletico e faticoso: parte in cresta, per terminare, dopo una lama-fessura ascendente verso destra, nel famoso muro-diedro completamente verticale. La quinta lunghezza (IV+) prosegue in verticale, per terminare lungo l’aerea crestina che porta a ridosso della Punta Sella (4.009 m). Il sesto tiro (IV) sale una breve placca liscia e porta in cima alla Punta Sella (m 4.009), la cima sud-ovest. Si percorre infine una crestina aerea in leggera discesa; un salto verticale di circa 4 m conduce ad uno spezzone di corda fissa, per raggiungere l’intaglio tra le due cime e, di qui, la Punta Graham (4.014 m).
La discesa viene effettuata mediante calata in corda doppia fino all’attacco della Gengiva e poi seguendo la via normale di salita.
Si rientra al Rifugio Torino, per una meritata birra celebrativa e poi, con la funivia, si torna al parcheggio di partenza.

GIORNO

Dislivello salita: 650 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Sveglia in rifugio e partenza di buona ora per dirigersi verso il Dente del Gigante. Si cammina su una facile traccia fino a raggiungere il ripido canalino che porta all’attacco della parete verso la famosa Gengiva del Dente. Il terreno è misto, con tratti di neve e facili passaggi di roccia. Giunti alla base della Gengiva, si inizia a scalare il tratto di arrampicata vera e propria. Si affrontano passaggi sostenuti (IV–V grado), spesso piuttosto esposti.
Le corde fisse (canaponi) agevolano alcuni passaggi più fisici e facilitano la salita nei passaggi più impegnativi.
La salita si articola nella sequenza di 6 tiri di corda.
Dall’estremità della gengiva con un tiro di IV si sale a raggiungere la parete ovest; il secondo tiro è più semplice (III) e conduce ad una solida sosta a spit, dove cominciano le corde fisse. Il tiro che segue (anche se dato solo di IV) ha una esposizione impressionante e una difficoltà non banale. Il quarto tiro (V+) è atletico e faticoso: parte in cresta, per terminare, dopo una lama-fessura ascendente verso destra, nel famoso muro-diedro completamente verticale. La quinta lunghezza (IV+) prosegue in verticale, per terminare lungo l’aerea crestina che porta a ridosso della Punta Sella (4.009 m). Il sesto tiro (IV) sale una breve placca liscia e porta in cima alla Punta Sella (m 4.009), la cima sud-ovest. Si percorre infine una crestina aerea in leggera discesa; un salto verticale di circa 4 m conduce ad uno spezzone di corda fissa, per raggiungere l’intaglio tra le due cime e, di qui, la Punta Graham (4.014 m).
La discesa viene effettuata mediante calata in corda doppia fino all’attacco della Gengiva e poi seguendo la via normale di salita.
Si rientra al Rifugio Torino, per una meritata birra celebrativa e poi, con la funivia, si torna al parcheggio di partenza.

DETTAGLI

DURATA
orologio
2 Giorni
orologio
LIVELLO TECNICO
stelle
Medio
stelle
LIVELLO FISICO
cuori
Medio
cuori
PERSONE
utente
1
utente
PERIODO
calendario
da 15/06 a 15/10
DURATA
LIVELLO TECNICO
LIVELLO FISICO
PERSONE
PERIODO
2 Giorni
Medio
Medio
1
da 15/06 a 15/10
orologio
stelle
cuori
utente
calendario

TARIFFE

550 € quota a persona per 1 partecipante
La tariffa comprende
  • assistenza della Guida Alpina certificata UIAGM
  • assicurazione RC
  • prestito del materiale comune di sicurezza

La tariffa non comprende
  • assicurazione (consigliata) ricerca e salvataggio con copertura UVGAM (5€ a persona per 3 gg)
  • eventuale equipaggiamento personale (imbrago, piccozza, ramponi e casco): 25€/gg a persona fino ad esaurimento scorte
  • impianti di risalita
  • spese Guida Alpina (trasferimenti, impianti, vitto e pernottamento)
  • trasferimenti, vitto e pernottamento
  • tutto quello che non è specificato nella voce "La tariffa comprende"
Note
  • È indispensabile che i partecipanti si attengano alle istruzioni impartite dalle Guide Alpine prima e durante lo svolgimento delle attività e abbiano rispetto di qualsiasi cambio di programma scelto per garantire la loro sicurezza.
  • Le tariffe relative a impianti, trasferimenti e rifugi potranno subire variazioni stabilite e applicate dai soggetti gestori, senza alcuna responsabilità attribuibile a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
  • Le quote indicate nella sezione “La tariffa non comprende” sono da considerare indicative e pertanto soggette a possibili variazioni.
  • Per tutti gli itinerari e programmi di attività, PEAKSHUNTER Mountain Guides si riserva la facoltà di modifiche in base a condizioni (meteo, accessibilità, rifugi) e preparazione fisica dei partecipanti.
  • I periodi indicati per lo svolgimento delle attività sono suscettibili di variazioni legate alle condizioni meteo e allo stato fisico dei luoghi (innevamento, condizioni del terreno, etc…), oltre che necessariamente dipendenti dalle date di apertura/chiusura degli impianti di risalita, stabilite stagionalmente/annualmente dai soggetti gestori degli stessi e pertanto in alcun modo imputabili a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
Note
  • È indispensabile che i partecipanti si attengano alle istruzioni impartite dalle Guide Alpine prima e durante lo svolgimento delle attività e abbiano rispetto di qualsiasi cambio di programma scelto per garantire la loro sicurezza.
  • Le tariffe relative a impianti, trasferimenti e rifugi potranno subire variazioni stabilite e applicate dai soggetti gestori, senza alcuna responsabilità attribuibile a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
  • Le quote indicate nella sezione “La tariffa non comprende” sono da considerare indicative e pertanto soggette a possibili variazioni.
  • Per tutti gli itinerari e programmi di attività, PEAKSHUNTER Mountain Guides si riserva la facoltà di modifiche in base a condizioni (meteo, accessibilità, rifugi) e preparazione fisica dei partecipanti.
  • I periodi indicati per lo svolgimento delle attività sono suscettibili di variazioni legate alle condizioni meteo e allo stato fisico dei luoghi (innevamento, condizioni del terreno, etc…), oltre che necessariamente dipendenti dalle date di apertura/chiusura degli impianti di risalita, stabilite stagionalmente/annualmente dai soggetti gestori degli stessi e pertanto in alcun modo imputabili a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
freccia
per saperne di più Richiedi informazioni compilando il modulo oppure contattaci ai numeri:
(+39) 333 7681414
(+39) 328 9720451

    *campi obbligatori
    up
     

    By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

    The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

    Close