Peakshunter logo
Chamonix – Zermatt (Haute Route) Chamonix – Zermatt (Haute Route)
FOTO

Chamonix – Zermatt (Haute Route)

Una traversata nel cuore delle Alpi: 6 giorni per girovagare tra rifugi, ghiacciai e pendii, sciando “con la testa tra le nuvole…”

PROGRAMMA

Traversata sci alpinistica che collega la Francia alla Svizzera, alta via da Chamonix fino a Zermatt. Nata nel 1903 grazie ad alcuni alpinisti inglesi come primo raid di questo genere, impresa eroica ai tempi, oggi è una meta classica dello sci alpinismo da collezione. La sua notorietà deriva dall’atmosfera, dalle emozioni e dagli scenari d’alta quota che da sempre regala. Resta comunque impegnativa per quota, lunghezza e dislivello delle tappe, che richiedono un buon livello allenamento generale.

GIORNO

Dislivello salita: 200 m
Dislivello discesa: 600 m
Tempo salita/discesa: 3 h
Meeting point: ritrovo a Courmayeur o Chamonix per controllo materiale e breve briefing.

Trasferimento ad Argentière; da qui si raggiunge il Col des Grands Montets con la funivia.

Si comincia con una discesa facile ma non banale sul ghiacciaio des Rognons per raggiungere quello di Argentière. Da qui in poco più di un’ora si raggiunge il Rifugio di Argentière, dove si pernotta.

Nota: tappa corta di introduzione al raid.

GIORNO

Dislivello salita: 200 m
Dislivello discesa: 600 m
Tempo salita/discesa: 3 h
Meeting point: ritrovo a Courmayeur o Chamonix per controllo materiale e breve briefing.

Trasferimento ad Argentière; da qui si raggiunge il Col des Grands Montets con la funivia.

Si comincia con una discesa facile ma non banale sul ghiacciaio des Rognons per raggiungere quello di Argentière. Da qui in poco più di un’ora si raggiunge il Rifugio di Argentière, dove si pernotta.

Nota: tappa corta di introduzione al raid.

GIORNO

Dislivello salita: 1.000 m
Dislivello discesa: 2.200 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Partenza dal rifugio intorno alle ore 07:00 del mattino. Si comincia a scendere per un tratto il ghiacciaio di Argentière. Si mettono le pelli e si risale fino ad un piccolo canale innevato di 200 metri che si risale con i ramponi e legati, e che conduce al Col Passon. Da qui si accede al ghiacciaio di Tour che si attraversa in direzione del Col Superieur du Tour. Il colle dà accesso al Plateau du Trient che si attraversa in discesa fin sotto il Col des Ecandies. Per salire al colle servono corda e ramponi, ma il tratto è di soli 100 metri. Per facili pendii si discende poi tutto il vallone dell’Arpette, fino ad arrivare a Champex, dove ci si ferma per la notte.

Nota: tappa lunga ma spettacolare con vista sul Chardonnet, sulle Aiguilles Dorées e sull’Aiguille du Tour.

GIORNO

Dislivello salita: 1.000 m
Dislivello discesa: 2.200 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Partenza dal rifugio intorno alle ore 07:00 del mattino. Si comincia a scendere per un tratto il ghiacciaio di Argentière. Si mettono le pelli e si risale fino ad un piccolo canale innevato di 200 metri che si risale con i ramponi e legati, e che conduce al Col Passon. Da qui si accede al ghiacciaio di Tour che si attraversa in direzione del Col Superieur du Tour. Il colle dà accesso al Plateau du Trient che si attraversa in discesa fin sotto il Col des Ecandies. Per salire al colle servono corda e ramponi, ma il tratto è di soli 100 metri. Per facili pendii si discende poi tutto il vallone dell’Arpette, fino ad arrivare a Champex, dove ci si ferma per la notte.

Nota: tappa lunga ma spettacolare con vista sul Chardonnet, sulle Aiguilles Dorées e sull’Aiguille du Tour.

GIORNO

Dislivello salita: 800 m
Dislivello discesa: 1.050 m
Tempo salita/discesa: 4-6 h

Da Champex un transfer (minibus o taxi) in circa mezz’ora conduce a Le Châble. Una telecabina introduce nel comprensorio sciistico di Verbier, e con altri due impianti si arriva al Col des Gentianes. Dopo 200 metri di discesa in pista si mettono le pelli e si sale al Col de La Chaud. Un’altra discesa di circa 300 metri di dislivello e di nuovo salita verso il Col Momin. La vista si apre sul glacer du Grand Desert che conduce alla Rosablanche. Una volta in cima, verso sud si vede la Pigne d’Arolla, meta dei prossimi giorni. Una divertente discesa conduce verso il Rifugio Cabane de Prafleuri. Cena e pernottamento in rifugio.

Nota: Fantastica vista sul lato nord del Grand Combin durante la giornata!

GIORNO

Dislivello salita: 800 m
Dislivello discesa: 1.050 m
Tempo salita/discesa: 4-6 h

Da Champex un transfer (minibus o taxi) in circa mezz’ora conduce a Le Châble. Una telecabina introduce nel comprensorio sciistico di Verbier, e con altri due impianti si arriva al Col des Gentianes. Dopo 200 metri di discesa in pista si mettono le pelli e si sale al Col de La Chaud. Un’altra discesa di circa 300 metri di dislivello e di nuovo salita verso il Col Momin. La vista si apre sul glacer du Grand Desert che conduce alla Rosablanche. Una volta in cima, verso sud si vede la Pigne d’Arolla, meta dei prossimi giorni. Una divertente discesa conduce verso il Rifugio Cabane de Prafleuri. Cena e pernottamento in rifugio.

Nota: Fantastica vista sul lato nord del Grand Combin durante la giornata!

GIORNO

Dislivello salita: 800 m
Dislivello discesa: 500 m
Tempo salita/discesa: 7-8 h

Dal rifugio, in mezzora, si raggiunge il Col des Roux. Si tolgono le pelli per iniziare una lunga traversata in discesa a monte del lago della diga des Dix, la più grande d’Europa. Raggiunta la fine del lago si rimontano le pelli per salire il Pas du Chat e poi, per facili valloncelli si arriva al rifugio Cabane des Dix. Cena e pernottamento in rifugio.

Nota: Lunga tappa di trasferimento verso la Pigne d’Arolla.

GIORNO

Dislivello salita: 800 m
Dislivello discesa: 500 m
Tempo salita/discesa: 7-8 h

Dal rifugio, in mezzora, si raggiunge il Col des Roux. Si tolgono le pelli per iniziare una lunga traversata in discesa a monte del lago della diga des Dix, la più grande d’Europa. Raggiunta la fine del lago si rimontano le pelli per salire il Pas du Chat e poi, per facili valloncelli si arriva al rifugio Cabane des Dix. Cena e pernottamento in rifugio.

Nota: Lunga tappa di trasferimento verso la Pigne d’Arolla.

GIORNO

Dislivello salita: 850 m
Dislivello discesa: 650 m
Tempo salita/discesa: 6/7 h

Si comincia risalendo il ghiacciaio di Cheillon fino al col du Brenay e poi si continua fino al Pigne d’Arolla.
Una fantastica vista a 360 gradi su gran parte delle Alpi Occidentali gratifica e ricompensa la fatica della salita. Una bella discesa su ghiacciaio conduce alla Cabane des Vignettes, per cena e pernottamentoo.

Nota: La Pigne d’Arolla è il punto culminante del raid: un balcone unico sulle cime vallesane!

GIORNO

Dislivello salita: 850 m
Dislivello discesa: 650 m
Tempo salita/discesa: 6/7 h

Si comincia risalendo il ghiacciaio di Cheillon fino al col du Brenay e poi si continua fino al Pigne d’Arolla.
Una fantastica vista a 360 gradi su gran parte delle Alpi Occidentali gratifica e ricompensa la fatica della salita. Una bella discesa su ghiacciaio conduce alla Cabane des Vignettes, per cena e pernottamentoo.

Nota: La Pigne d’Arolla è il punto culminante del raid: un balcone unico sulle cime vallesane!

GIORNO

Dislivello salita: 1.000 m
Dislivello discesa: 2.500 m
Tempo salita/discesa: 8-10 h

Dal Rifugio si scende al Col de Charmontane e dal ghiacciaio di Arolla si sale al Col de l’Evêque. La discesa sul Haut Glacier d’Arolla è facile e divertente. Arrivati sotto il colle du Mont Brulé si mettono gli sci sullo zaino e si risalgono i 200 metri che portano al colle. Di nuovo in discesa fino ad arrivare in mezzo al Glacier de Tsa de Tsan. Una salita lunga ma facile conduce al Col de Valpelline. Vista incredibile sulla Dent d’Herens e sulla Ovest del Cervino. Discesa di 2.500 metri, fino a Zermatt, passando sul ghiacciaio di Stockji, spesso tormentato e sotto la Nord del Cervino.

Nota: Lunga ma varia e mai noiosa. La discesa dello Stockji sarà un ricordo incancellabile!

 

GIORNO

Dislivello salita: 1.000 m
Dislivello discesa: 2.500 m
Tempo salita/discesa: 8-10 h

Dal Rifugio si scende al Col de Charmontane e dal ghiacciaio di Arolla si sale al Col de l’Evêque. La discesa sul Haut Glacier d’Arolla è facile e divertente. Arrivati sotto il colle du Mont Brulé si mettono gli sci sullo zaino e si risalgono i 200 metri che portano al colle. Di nuovo in discesa fino ad arrivare in mezzo al Glacier de Tsa de Tsan. Una salita lunga ma facile conduce al Col de Valpelline. Vista incredibile sulla Dent d’Herens e sulla Ovest del Cervino. Discesa di 2.500 metri, fino a Zermatt, passando sul ghiacciaio di Stockji, spesso tormentato e sotto la Nord del Cervino.

Nota: Lunga ma varia e mai noiosa. La discesa dello Stockji sarà un ricordo incancellabile!

 

DETTAGLI

DURATA (giorni)
orologio
6 Giorni
orologio
DIFFICOLTÀ TECNICA
stelle
Bassa
stelle
PREPARAZIONE FISICA
cuori
Discreta
cuori
PERSONE
utente
max 6 per ogni Guida Alpina
utente
PERIODO
calendario
da 15/03 a 15/05
calendario

Equipaggiamento


Materiale personale
freccia
Abbigliamento
freccia

TARIFFE

2160 € quota a persona per 1 partecipante
1080 € quota a persona per 2 partecipanti
720 € quota a persona per 3 partecipanti
585 € quota a persona per 4 partecipanti
500 € quota a persona per 5 partecipanti
450 € quota a persona per 6 partecipanti
La tariffa comprende
  • assistenza della Guida Alpina certificata UIAGM
  • assicurazione RC
  • prestito del materiale comune di sicurezza

La tariffa non comprende
  • assicurazione (consigliata) ricerca e salvataggio con copertura UVGAM (12€ a persona per 7 gg)
  • eventuale equipaggiamento personale (ARTVA, pala e sonda): 15€/gg a persona fino ad esaurimento scorte
  • eventuale equipaggiamento personale (imbrago, piccozza e ramponi): 15€/gg a persona fino ad esaurimento scorte
  • impianti di risalita
  • spese Guida Alpina (trasferimenti, impianti, vitto e pernottamento) da dividere tra tutti i partecipanti
  • trasferimenti, vitto e pernottamento
  • tutto quello che non è specificato nella voce "La tariffa comprende"
Note
  • È indispensabile che i partecipanti si attengano alle istruzioni impartite dalle Guide Alpine prima e durante lo svolgimento delle attività e abbiano rispetto di qualsiasi cambio di programma scelto per garantire la loro sicurezza.
  • Le tariffe relative a impianti, trasferimenti e rifugi potranno subire variazioni stabilite e applicate dai soggetti gestori, senza alcuna responsabilità attribuibile a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
  • Le quote indicate nella sezione “La tariffa non comprende” sono da considerare indicative e pertanto soggette a possibili variazioni.
  • Per tutti gli itinerari e programmi di attività, PEAKSHUNTER Mountain Guides si riserva la facoltà di modifiche in base a condizioni (meteo, accessibilità, rifugi) e preparazione fisica dei partecipanti.
  • I periodi indicati per lo svolgimento delle attività sono suscettibili di variazioni legate alle condizioni meteo e allo stato fisico dei luoghi (innevamento, condizioni del terreno, etc…), oltre che necessariamente dipendenti dalle date di apertura/chiusura degli impianti di risalita, stabilite stagionalmente/annualmente dai soggetti gestori degli stessi e pertanto in alcun modo imputabili a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
Note
  • È indispensabile che i partecipanti si attengano alle istruzioni impartite dalle Guide Alpine prima e durante lo svolgimento delle attività e abbiano rispetto di qualsiasi cambio di programma scelto per garantire la loro sicurezza.
  • Le tariffe relative a impianti, trasferimenti e rifugi potranno subire variazioni stabilite e applicate dai soggetti gestori, senza alcuna responsabilità attribuibile a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
  • Le quote indicate nella sezione “La tariffa non comprende” sono da considerare indicative e pertanto soggette a possibili variazioni.
  • Per tutti gli itinerari e programmi di attività, PEAKSHUNTER Mountain Guides si riserva la facoltà di modifiche in base a condizioni (meteo, accessibilità, rifugi) e preparazione fisica dei partecipanti.
  • I periodi indicati per lo svolgimento delle attività sono suscettibili di variazioni legate alle condizioni meteo e allo stato fisico dei luoghi (innevamento, condizioni del terreno, etc…), oltre che necessariamente dipendenti dalle date di apertura/chiusura degli impianti di risalita, stabilite stagionalmente/annualmente dai soggetti gestori degli stessi e pertanto in alcun modo imputabili a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
freccia

ITINERARIO

CONDIVIDI SU:
per saperne di più Richiedi informazioni compilando il modulo oppure contattaci ai numeri:
(+39) 328 9720451
(+39) 333 7681414

*campi obbligatori
up