Peakshunter logo
Stage Gran Paradiso Stage Gran Paradiso
FOTO

Stage Gran Paradiso

Un programma di salite alpinistiche di difficoltà crescente, per migliorare le capacità tecniche e raggiungere in piena forma fisica l’unica cima oltre i 4.000 completamente in territorio italiano, ben riconoscibile per altezza e isolamento. Sulla cima svetta il torrione di rocce a strati orizzontali, passaggio più impegnativo della salita, sormontato dalla statuetta bianca della Madonnina.

PROGRAMMA

GIORNO

Dislivello salita: 950 m
Tempo salita: 3/4 h
Meeting point: Ritrovo ad Aosta alle ore 11:00, breve briefing per controllo materiale e trasferimento in auto in Val di Cogne-Valnontey.

Salita al Rifugio Sella (2.588 m).

GIORNO

Dislivello salita: 950 m
Tempo salita: 3/4 h
Meeting point: Ritrovo ad Aosta alle ore 11:00, breve briefing per controllo materiale e trasferimento in auto in Val di Cogne-Valnontey.

Salita al Rifugio Sella (2.588 m).

GIORNO

Dislivello salita: 1.042 m
Dislivello discesa: 1.042 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Salita di acclimamento alla Punta Rossa della Grivola (3.630 m), semplice salita dapprima su sentiero e poi su sfasciumi. Dalla sua vetta il panorama sulla Grivola (3.969 m) e sulla Valle d’Aosta è grandioso.
Per la discesa, si segue a ritroso l’itinerario percorso in salita e pernotto al Rifugio Vittorio Sella.

GIORNO

Dislivello salita: 1.042 m
Dislivello discesa: 1.042 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Salita di acclimamento alla Punta Rossa della Grivola (3.630 m), semplice salita dapprima su sentiero e poi su sfasciumi. Dalla sua vetta il panorama sulla Grivola (3.969 m) e sulla Valle d’Aosta è grandioso.
Per la discesa, si segue a ritroso l’itinerario percorso in salita e pernotto al Rifugio Vittorio Sella.

GIORNO

Dislivello salita: 964 m
Dislivello discesa: 964 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Salita lungo i ghiacciai del Lauson e di Gran Val per raggiungere la cima del Gran Sertz (3.552 m) dove imparerete l’utilizzo dei ramponi e farete i primi passi su roccia. Rientro al Rifugio Vittorio Sella per lo stesso itinerario.

GIORNO

Dislivello salita: 964 m
Dislivello discesa: 964 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Salita lungo i ghiacciai del Lauson e di Gran Val per raggiungere la cima del Gran Sertz (3.552 m) dove imparerete l’utilizzo dei ramponi e farete i primi passi su roccia. Rientro al Rifugio Vittorio Sella per lo stesso itinerario.

GIORNO

Dislivello salita: 1.360 m
Dislivello discesa: 1.238 m
Tempo salita/discesa: 6/8 h

La traversata al Rifugio Federico Chabod la si effettua salendo per sentiero al Col Lauson (3.296 m) per poi scendere verso il vallone di Levionaz fino a quota 2.600 m. Da qui si traversa in il Ghiacciaio del Grand Neyron fino a salire per il famoso passaggio del Grand Neyron (3.252 m). Percorrendo ora il sentiero panoramico si arriva al Rifugio Federico Chabod (2.710 m) dove trascorreremo la notte.

GIORNO

Dislivello salita: 1.360 m
Dislivello discesa: 1.238 m
Tempo salita/discesa: 6/8 h

La traversata al Rifugio Federico Chabod la si effettua salendo per sentiero al Col Lauson (3.296 m) per poi scendere verso il vallone di Levionaz fino a quota 2.600 m. Da qui si traversa in il Ghiacciaio del Grand Neyron fino a salire per il famoso passaggio del Grand Neyron (3.252 m). Percorrendo ora il sentiero panoramico si arriva al Rifugio Federico Chabod (2.710 m) dove trascorreremo la notte.

GIORNO

Dislivello salita: 1.360 m
Dislivello discesa: 1.360 m
Tempo salita/discesa: 5/6 h

La salita dal Rifugio Federico Chabod (2.750 m) si svolge prima lungo la morena e poi sul ghiacciaio del Laveciau. Risalito il ghiacciaio, si raggiunge la Schiena d’Asino dove la via di salita si congiunge con quella che sale dal Vittorio Emanuele II. Passata la Schiena d’Asino, dove si effettua breve sosta, si sale il colle della Becca di Moncorvé, proseguendo verso la crepacciata finale, per la breve (anche se impegnativa) cresta finale, fino alla Madonnina della vetta.
Per la discesa, si segue a ritroso l’itinerario percorso in salita.

GIORNO

Dislivello salita: 1.360 m
Dislivello discesa: 1.360 m
Tempo salita/discesa: 5/6 h

La salita dal Rifugio Federico Chabod (2.750 m) si svolge prima lungo la morena e poi sul ghiacciaio del Laveciau. Risalito il ghiacciaio, si raggiunge la Schiena d’Asino dove la via di salita si congiunge con quella che sale dal Vittorio Emanuele II. Passata la Schiena d’Asino, dove si effettua breve sosta, si sale il colle della Becca di Moncorvé, proseguendo verso la crepacciata finale, per la breve (anche se impegnativa) cresta finale, fino alla Madonnina della vetta.
Per la discesa, si segue a ritroso l’itinerario percorso in salita.

DETTAGLI

DURATA (giorni)
orologio
5 Giorni
orologio
DIFFICOLTÀ TECNICA
stelle
Bassa
stelle
PREPARAZIONE FISICA
cuori
Media
cuori
PERSONE
utente
min 3 - max 4
utente
PERIODO
calendario
da 03/06 a 17/09
calendario

Equipaggiamento


Materiale personale
freccia
Abbigliamento
freccia
per saperne di più Richiedi informazioni compilando il modulo oppure contattaci ai numeri:
(+39) 328 9720451
(+39) 333 7681414

*campi obbligatori
personalizza la tua esperienza
idea
Hai un sogno?
Scrivici subito!

TARIFFE

570 € quota a persona per 3 partecipanti
480 € quota a persona per 4 partecipanti
La tariffa comprende
  • assistenza della Guida Alpina certificata UIAGM
  • assicurazione RC
  • prestito del materiale comune di sicurezza

La tariffa non comprende
  • assicurazione (consigliata) ricerca e salvataggio con copertura UVGAM (5€ a persona per 3 gg)
  • eventuale equipaggiamento personale (imbrago, piccozza e ramponi): 15€ a persona fino ad esaurimento scorte
  • spese Guida Alpina (trasferimenti, vitto e pernottamento) da dividere tra tutti i partecipanti
  • trasferimenti, vitto e pernottamento
  • tutto quello che non è specificato nella voce "La tariffa comprende"
Note
  • È indispensabile che i partecipanti si attengano alle istruzioni impartite dalle Guide Alpine prima e durante lo svolgimento delle attività e abbiano rispetto di qualsiasi cambio di programma scelto per garantire la loro sicurezza.
  • Le tariffe relative a impianti, trasferimenti e rifugi potranno subire variazioni stabilite e applicate dai soggetti gestori, senza alcuna responsabilità attribuibile a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
  • Le quote indicate nella sezione “La tariffa non comprende” sono da considerare indicative e pertanto soggette a possibili variazioni.
  • Per tutti gli itinerari e programmi di attività, PEAKSHUNTER Mountain Guides si riserva la facoltà di modifiche in base a condizioni (meteo, accessibilità, rifugi) e preparazione fisica dei partecipanti.
  • I periodi indicati per lo svolgimento delle attività sono suscettibili di variazioni legate alle condizioni meteo e allo stato fisico dei luoghi (innevamento, condizioni del terreno, etc…), oltre che necessariamente dipendenti dalle date di apertura/chiusura degli impianti di risalita, stabilite stagionalmente/annualmente dai soggetti gestori degli stessi e pertanto in alcun modo imputabili a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
Note
  • È indispensabile che i partecipanti si attengano alle istruzioni impartite dalle Guide Alpine prima e durante lo svolgimento delle attività e abbiano rispetto di qualsiasi cambio di programma scelto per garantire la loro sicurezza.
  • Le tariffe relative a impianti, trasferimenti e rifugi potranno subire variazioni stabilite e applicate dai soggetti gestori, senza alcuna responsabilità attribuibile a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
  • Le quote indicate nella sezione “La tariffa non comprende” sono da considerare indicative e pertanto soggette a possibili variazioni.
  • Per tutti gli itinerari e programmi di attività, PEAKSHUNTER Mountain Guides si riserva la facoltà di modifiche in base a condizioni (meteo, accessibilità, rifugi) e preparazione fisica dei partecipanti.
  • I periodi indicati per lo svolgimento delle attività sono suscettibili di variazioni legate alle condizioni meteo e allo stato fisico dei luoghi (innevamento, condizioni del terreno, etc…), oltre che necessariamente dipendenti dalle date di apertura/chiusura degli impianti di risalita, stabilite stagionalmente/annualmente dai soggetti gestori degli stessi e pertanto in alcun modo imputabili a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
freccia
CONDIVIDI SU:
up