Peakshunter logo
Spaghetti Tour Spaghetti Tour
FOTO

Spaghetti Tour

Una traversata ad anello unica e spettacolare, per toccare con mano 8 vette, tutte a più di 4.000 metri di quota! L’orizzonte è sempre più basso, gli occhi sempre più alti…

PROGRAMMA

Con questo nome singolare è conosciuta nel mondo anglosassone la traversata del Monte Rosa da Cervinia a Gressoney, con pernottamento in quattro rifugi del versante italiano. Un grandioso viaggio alpinistico glaciale sul grande altopiano del Monte Rosa. Ogni giorno si raggiunge la vetta di un 4000 sulle orme del famoso itinerario del “Trofeo Mezzalama”.

GIORNO

Dislivello salita: 700 m
Tempo salita/discesa: 5-6 h
Meeting point: ritrovo a Cervinia per controllo materiale e breve briefing.

Con gli impianti si raggiunge il Plateau Rosa. Da qui si sale al colle del Breithorn e si prosegue fino alla vetta del Breithorn. Una rapida discesa porta sulla traccia che, passando sotto al Breithorn Centrale, alla Roccia Nera e al Polluce, conduce fin sotto al Passo di Verraz. Con una discesa di circa un’ora si giunge al Rifugio Guide di Ayas al Lambronecca (3.400 m).

GIORNO

Dislivello salita: 700 m
Tempo salita/discesa: 5-6 h
Meeting point: ritrovo a Cervinia per controllo materiale e breve briefing.

Con gli impianti si raggiunge il Plateau Rosa. Da qui si sale al colle del Breithorn e si prosegue fino alla vetta del Breithorn. Una rapida discesa porta sulla traccia che, passando sotto al Breithorn Centrale, alla Roccia Nera e al Polluce, conduce fin sotto al Passo di Verraz. Con una discesa di circa un’ora si giunge al Rifugio Guide di Ayas al Lambronecca (3.400 m).

GIORNO

Dislivello salita: 800 m
Tempo salita/discesa: 6-7 h

Si risale verso il Passo di Verraz, dove inizia la salita che percorre la parete Ovest del Castore. A circa 4.000 metri, superato il crepaccio terminale, si affronta la salita verso l’aerea cresta sommitale. La vista dalla vetta del Castore (4.200 m) spazia dalla Capanna Margherita ai Lyskamm, dal Gran Paradiso al Monte Bianco, dalla pianura Padana ai 4.000 svizzeri. La discesa si svolge dapprima su di una bella e facile cresta nevosa, per arrivare al ripido pendio che scende dal Colle del Felik, e continuare sul ghiacciaio del Felik. Il Rifugio Quintino Sella si raggiunge a 3.575 m. Cena e pernottamento in rifugio.

GIORNO

Dislivello salita: 800 m
Tempo salita/discesa: 6-7 h

Si risale verso il Passo di Verraz, dove inizia la salita che percorre la parete Ovest del Castore. A circa 4.000 metri, superato il crepaccio terminale, si affronta la salita verso l’aerea cresta sommitale. La vista dalla vetta del Castore (4.200 m) spazia dalla Capanna Margherita ai Lyskamm, dal Gran Paradiso al Monte Bianco, dalla pianura Padana ai 4.000 svizzeri. La discesa si svolge dapprima su di una bella e facile cresta nevosa, per arrivare al ripido pendio che scende dal Colle del Felik, e continuare sul ghiacciaio del Felik. Il Rifugio Quintino Sella si raggiunge a 3.575 m. Cena e pernottamento in rifugio.

GIORNO

Dislivello salita: 800 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Nelle prime 2 ore di cammino si percorre il ghiacciaio del Lys Occidentale, poi si affronta la ripida salita del Naso del Lyskamm. Una discesa facile ma non banale conduce sul ghiacciaio del Lys Orientale, che si attraversa puntando verso la Piramide Vincent. Una volta raggiunta la cima, si procede in direzione del Rifugio Città di Mantova (3.500 m), a cui si arriva percorrendo la traccia che scende dal Colle del Lys. Cena e pernottamento in rifugio.

GIORNO

Dislivello salita: 800 m
Tempo salita/discesa: 6-8 h

Nelle prime 2 ore di cammino si percorre il ghiacciaio del Lys Occidentale, poi si affronta la ripida salita del Naso del Lyskamm. Una discesa facile ma non banale conduce sul ghiacciaio del Lys Orientale, che si attraversa puntando verso la Piramide Vincent. Una volta raggiunta la cima, si procede in direzione del Rifugio Città di Mantova (3.500 m), a cui si arriva percorrendo la traccia che scende dal Colle del Lys. Cena e pernottamento in rifugio.

GIORNO

Dislivello salita: 1.500 m
Tempo salita/discesa: 6/7 h

Tappa per raggiungere il più alto rifugio d’Europa, la Capanna Regina Margherita (4.554 m).
Ci si arriva gradualmente, toccando in sequenza le vette del Balmenhorn, dello Schwarzhorn, della Ludwigshohe e della Zumsteinspitze. Per ultima, la Punta Gnifetti, sulla cui sommità si erge la Capanna, punto di arrivo di questa lunga tappa. Cena e pernottamento in rifugio.

GIORNO

Dislivello salita: 1.500 m
Tempo salita/discesa: 6/7 h

Tappa per raggiungere il più alto rifugio d’Europa, la Capanna Regina Margherita (4.554 m).
Ci si arriva gradualmente, toccando in sequenza le vette del Balmenhorn, dello Schwarzhorn, della Ludwigshohe e della Zumsteinspitze. Per ultima, la Punta Gnifetti, sulla cui sommità si erge la Capanna, punto di arrivo di questa lunga tappa. Cena e pernottamento in rifugio.

GIORNO

Dislivello salita: 300 m
Dislivello discesa: 2.300 m
Tempo salita/discesa: 8-10 h

È tutta discesa… ma molto lunga! Si percorre tutto il ghiacciaio del Grentz, fino alla MonterosaHutte, il rifugio utilizzato per salire alla Punta Doufur, la più alta vetta del Monte Rosa. Si continua la discesa fino a prendere il sentiero che conduce a Rotenboden, stazione del treno a cremagliera che conduce a Zermatt. Con gli impianti si sale al Piccolo Cervino, per poi scendere al Plateau Rosa, di nuovo con gli impianti, dove si concludono itinerario e viaggio.

GIORNO

Dislivello salita: 300 m
Dislivello discesa: 2.300 m
Tempo salita/discesa: 8-10 h

È tutta discesa… ma molto lunga! Si percorre tutto il ghiacciaio del Grentz, fino alla MonterosaHutte, il rifugio utilizzato per salire alla Punta Doufur, la più alta vetta del Monte Rosa. Si continua la discesa fino a prendere il sentiero che conduce a Rotenboden, stazione del treno a cremagliera che conduce a Zermatt. Con gli impianti si sale al Piccolo Cervino, per poi scendere al Plateau Rosa, di nuovo con gli impianti, dove si concludono itinerario e viaggio.

DETTAGLI

DURATA (giorni)
orologio
5 Giorni
orologio
DIFFICOLTÀ TECNICA
stelle
Media
stelle
PREPARAZIONE FISICA
cuori
Media
cuori
PERSONE
utente
max 4 per ogni Guida Alpina
utente
PERIODO
calendario
da 15/06 a 15/09
calendario

Equipaggiamento


Materiale personale
freccia
Abbigliamento
freccia
per saperne di più Richiedi informazioni compilando il modulo oppure contattaci ai numeri:
(+39) 328 9720451
(+39) 333 7681414

*campi obbligatori
personalizza la tua esperienza
idea
Hai un sogno?
Scrivici subito!

TARIFFE

1900 € quota a persona per 1 partecipante
1090 € quota a persona per 2 partecipanti
790 € quota a persona per 3 partecipanti
640 € quota a persona per 4 partecipanti
La tariffa comprende
  • assistenza della Guida Alpina certificata UIAGM
  • assicurazione RC
  • prestito del materiale comune di sicurezza

La tariffa non comprende
  • assicurazione (consigliata) ricerca e salvataggio con copertura UVGAM (12€ a persona per 7 gg)
  • eventuale equipaggiamento personale (imbrago, piccozza, ramponi e casco): 15€ a persona fino ad esaurimento scorte
  • spese Guida Alpina (trasferimenti, impianti, vitto e pernottamento) da dividere tra tutti i partecipanti
  • impianti di risalita (Breuil-Cervinia – Plateau Rosà biglietto A/R plurigiornaliero: 79€ a persona, biglietto Zermatt – Matterhorn glacier paradise: 65CHF a persona, biglietto Rotenboden-Zermatt corsa singola: 40CHF a persona)
  • vitto e pernottamento in rifugio (mezza pensione con cena, pernottamento e colazione: 65/70€ a persona, bevande escluse per Rifugio Guide di Ayas (Lambronecca); 60-73€ a persona, bevande escluse per Rifugio Quintino Sella al Felik; 65€ a persona, bevande escluse per Rifugio Mantova; 90€ a persona, bevande escluse per Rifugio Capanna Regina Margherita)
  • tutto quello che non è specificato nella voce "La tariffa comprende"
Note
  • È indispensabile che i partecipanti si attengano alle istruzioni impartite dalle Guide Alpine prima e durante lo svolgimento delle attività e abbiano rispetto di qualsiasi cambio di programma scelto per garantire la loro sicurezza.
  • Le tariffe relative a impianti, trasferimenti e rifugi potranno subire variazioni stabilite e applicate dai soggetti gestori, senza alcuna responsabilità attribuibile a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
  • Le quote indicate nella sezione “La tariffa non comprende” sono da considerare indicative e pertanto soggette a possibili variazioni.
  • Per tutti gli itinerari e programmi di attività, PEAKSHUNTER Mountain Guides si riserva la facoltà di modifiche in base a condizioni (meteo, accessibilità, rifugi) e preparazione fisica dei partecipanti.
  • I periodi indicati per lo svolgimento delle attività sono suscettibili di variazioni legate alle condizioni meteo e allo stato fisico dei luoghi (innevamento, condizioni del terreno, etc…), oltre che necessariamente dipendenti dalle date di apertura/chiusura degli impianti di risalita, stabilite stagionalmente/annualmente dai soggetti gestori degli stessi e pertanto in alcun modo imputabili a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
Note
  • È indispensabile che i partecipanti si attengano alle istruzioni impartite dalle Guide Alpine prima e durante lo svolgimento delle attività e abbiano rispetto di qualsiasi cambio di programma scelto per garantire la loro sicurezza.
  • Le tariffe relative a impianti, trasferimenti e rifugi potranno subire variazioni stabilite e applicate dai soggetti gestori, senza alcuna responsabilità attribuibile a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
  • Le quote indicate nella sezione “La tariffa non comprende” sono da considerare indicative e pertanto soggette a possibili variazioni.
  • Per tutti gli itinerari e programmi di attività, PEAKSHUNTER Mountain Guides si riserva la facoltà di modifiche in base a condizioni (meteo, accessibilità, rifugi) e preparazione fisica dei partecipanti.
  • I periodi indicati per lo svolgimento delle attività sono suscettibili di variazioni legate alle condizioni meteo e allo stato fisico dei luoghi (innevamento, condizioni del terreno, etc…), oltre che necessariamente dipendenti dalle date di apertura/chiusura degli impianti di risalita, stabilite stagionalmente/annualmente dai soggetti gestori degli stessi e pertanto in alcun modo imputabili a PEAKSHUNTER Mountain Guides.
freccia

ITINERARIO

CONDIVIDI SU:
up